SCOPRI LE MERAVIGLIE DI ZAMBANA

UNA TRADIZIONE TRAMANDATA

VIENI A SCOPRIRE COSA C'E'
IN FONDO ALL'ARCOBALENO

IL TOCCO DEI GRANDI CUOCHI

Ci Presentiamo a Voi

Zambana, storica stazione di transito lungo il fiume Adige, divenuta nel corso degli ultimi due secoli una comunità che ospita oltre 1600 abitanti, offre al viaggiatore che intenda esplorare le magnifiche zone di produzione dell’asparago bianco, un’ottima stazione di partenza dalla quale potersi muovere verso le numerose attrattive offerte dal territorio.
Il paese si estende nella piana della Val d’Adige, a nord di Trento: terra dai panorami suggestivi che offre bellissime passeggiate lungo i numerosi sentieri che collegano Zambana all’altipiano della Paganella o ai laghi di Lamar. Avventure memorabili per gli amanti del Trentino, percorribili a piedi o in mountain bike.

La ricostruzione della Chiesa di Zambana Vecchia, distrutta a seguito della rovinosa frana del 1955, ha reso possibile recarvisi per ammirare, oltre al magnifico paesaggio circostante, i misteriosi dettagli della struttura, come la frase sulla meridiana, sulla quale i vecchi del paese hanno forse ancora qualcosa da raccontare.
Ecco dunque qualche buon motivo per visitare il nostro sito o recarvi di persona presso la nostra Pro Loco, con sede nella piazza centrale di Zambana. La struttura rappresenta forse un punto obbligato di transito per chiunque voglia esplorare le bellezze che il territorio offre ai turisti o per chi voglia partecipare alle numerose e accattivanti iniziative organizzate grazie anche alla collaborazione con le altre associazioni del paese.

Il Festival dell’Asparago Bianco di Zambana 2018

Vuoi scoprire i prossimi eventi del 14 e 15 aprile che si terranno a Zambana grazie al Festival dell’Asparago Bianco?

CLICCA QUI

Vuoi scoprire il programma della Festa dell’Asparago bianco di Zambana?

CLICCA QUI

Festa dell’asparago bianco

Scopri la festa dei sparzi organizzata dalla Proloco di Zambana!

Maggiori informazioni | Programma della festa

Diventa socio Proloco

Sono aperte le iscrizioni Pro Loco Zambana 2018!
Aderendo potrai accedere a sconti e convenzioni anche a livello nazionale e regionale.

Noleggio Attrezzatura

Scrivici per maggiori informazioni.
Mail:
info@prolocozambana.com

I PROSSIMI EVENTI IN PROGRAMMA

ottobre 2018

lun mar mer gio ven sab dom
1
2
3
4
5
6
  • Antiche Terre
7
  • Antiche Terre
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

ALCUNE NOVITà DAI NOSTRI SOCIAL

1 week ago
LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
LIKE
LOVE
HAHA
WOW
SAD
ANGRY
« 1 of 21 »

Le ultime news

Leggi le nostre ultime news. Rimani aggiornato e seguici sui social.

DA SCOPRIRE A ZAMBANA

CHIESA SS.FILIPPO E GIACOMO (ZAMBANA VECCHIA)

Gli amanti della storia potranno recarsi presso la chiesa di Zambana Vecchia dedicata ai SS. Filippo e Giacomo, risalente al XVI sec. e ristrutturata in seguito alla grande frana del 1955. Nella piazza di Zambana Nuova troverete due grandi macigni di pietra in ricordo del tragico evento. Le due borgate sono collegate da un moderno ponte sul fiume Noce, il ponte Arcobaleno.

ESCURSIONE: DA ZAMBANA A FAI DELLA PAGANELLA

Arrivati alla chiesa di Zambana Vecchia (215 mt.) è possibile percorrere il sentiero SAT n.680, un antico selciato (il primo tratto molto ripido è cementato) che risale la Val Manara tra massi di frana. (menar = da “menato”: legname dell’esbosco e sacchi di carbone venivano trasportati lungo l’antica mulattiera che solca la valle fino al Passo Santel; manara significa anche ascia, accetta).
Proseguendo in salita fino ad un piccolo poggiolo, il Molinel (410 mt.) potrete seguire sul sentiero verso Fai della Paganella o imboccare il percorso verso il Lago di Lamar (2 ore di cammino). Dalla Paganella, vi sarà possibile osservare i risultati della regimentazione ottocentesca dei corsi d’acqua nella valle dell’Adige, ovvero la rettificazione del fiume e lo spostamento della foce del torrente Noce che scende dalla Val di Non.
Lasciato il Molinel il sentiero passa accanto al cosiddetto Cason, costruzione recentemente ristrutturata nata come malga di ricovero per i pastori durante la transumanza alla Malga di Zambana. Proseguendo ancora verso Fai della Paganella, dopo circa 30 minuti incontrerete la Cros dei Francesi, a ricordo dell’arresto delle truppe dell’esercito di Napoleone.

SEGUICI SUI SOCIAL